Turismo in Irlanda

I dati del turismo irlandese parlano di un incremento di presenze. L'obiettivo è di rafforzare ulteriormente questa tendenza anche per il 2013: e non mancano certo le iniziative e i motivi per visitare l'Isola di Smeraldo

Di certo non mancano i motivi per visitare l'Irlanda: la storia, i paesaggi mozzafiato ed emozionanti, le atmosfere brumose, la simpatia della sua gente. E, infatti, il turismo irlandese sta diventando uno dei volani per la rinascita economica dell'isola. Anche per questo motivo il 2013 è un anno importante che ha visto il Governo impegnarsi in prima persona, anche con l'Ente Nazionale del Turismo Irlandese. Da questo impegno nasce, tra le altre cose, il così detto Gathering Ireland, una sorta di celebrazione della irishness in tutte le sue forme ma anche una specie di filo conduttore che la macchina turistica irlandese vuole utilizzare per le attività di comunicazione e di promozione.

E diciamo che nel 2013, oltre a questa iniziativa, non mancano certo le sollecitazioni per il turismo irlandese: la città di Derry infatti, nell'Irlanda del Nord, è stata dichiarata UK City of Culture 2013 e sarà dunque protagonista di un intero anno di iniziative di ogni tipo. La città è al centro di una importante rinascita urbanistica e di un altrettanto importante fermento culturale che ne fanno una delle mete migliori da visitare anche secondo la prestigiosa guida Lonely Planet.

Bisogna dire che il turismo irlandese è stato uno dei comparti economici che ha tentato, da subito, di reagire alla crisi che ha investito l'isola qualche anno fa e ha continuato a farlo anche nel momento in cui le difficoltà si sono allargate anche al resto dell'Europa: e lo ha fatto cercando sempre di rendere conveniente un viaggio sul suo suolo. Sono stati infatti ritoccati al ribasso molti prezzi, ridotte alcune tasse e potenziati i collegamenti aerei sia low cost con Ryanair sia con la compagnia di bandiera Aer Lingus.

Vediamo solo alcuni dati relativi al turismo irlandese nel corso del 2012. L'Isola di Smeraldo ha visto l'arrivo di quasi sette milioni di turisti che significano un incremento rispetto all'anno precedente. I maggiori aumenti, in percentuale, si sono avuti con gli arrivi dai così detti mercati emergenti che sono cresciuti di un bel 6%; seguiti dagli arrivi dal Nord America che sono cresciuti del 3%. E mentre diminuisce il turismo proveniente dalla Gran Bretagna aumenta di molto quello proveniente dall'Italia, cresciuto nel 2012 di oltre il 14%. E l'Ente del Turismo Irlandese, proprio grazie al progetto Gathering, vuole chiudere il 2013 con un aumento del flusso turistico almeno del 6%.

isola smeraldo

E non mancano di certo le cose da vedere in Irlanda, attrattive che affascinano sempre più viaggiatori: non solo Dublino ma anche la splendida Galway, Cork, i piccolissimi villaggi della meravigliosa campagna irlandese, le suggestive scogliere della costa occidentale e la bellezza aspra e solitaria del Donegal. Ma anche tanta storia e tanta cultura. Un paese che ha davvero tanto da offrire, al di fuori di schemi e luoghi comuni. E il turismo irlandese sta davvero facendo il massimo per contribuire all'economia del paese.



Scrivici se hai domande o commenti sull'Irlanda

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Email *

Commento